Articoli

Si parla sempre più di digitalizzazione delle imprese, una trasformazione che sta stravolgendo il modo di lavorare (e la natura stessa) delle aziende. È un momento storico,definito come la quarta rivoluzione industriale, che segue le precedenti che hanno segnato le vicende umane.

  • Prima rivoluzione industriale: iniziata nel Settecento, introduzione della macchina a vapore e del carbone.

  • Seconda rivoluzione industriale: a cavallo tra fine Ottocento e inizio del XX° secolo, caratterizzata dal petrolio, elettricità e motore a scoppio.

  • Terza rivoluzione industriale: iniziata all’indomani della Seconda Guerra Mondiale, vede le grandi trasformazioni della società occidentale spinte dallo sviluppo tecnologico e, a partire dagli anni ’80, informatico.

  • Quarta rivoluzione industriale: XXI° secolo, l’innesto del digitale e delle nuove tecnologie all’interno del lavoro delle imprese.

rivoluzione digitale

Insomma, siamo nel pieno di un periodo che sarà ricordato in futuro come un momento di svolta e di grandi cambiamenti. Tutto questa trasformazione si fonda sul concetto di Industria 4.0, ovvero la tendenza delle produzione industriale a utilizzare le nuove tecnologie per automatizzare e innovare i processi di produzione.

Si tratta di un cambiamento radicale che sta toccando (e trasformando) diversi aspetti della nostra società, sia dal punto di vista produttivo che quello economico.

Digitalizzazione delle imprese italiane

 

Per quanto possa apparire paradossale, anche il nostro paese è in crescita dal punto di vista dell’innovazione digitale. Certo ancora non siamo in linea con nazioni più ricche, come per esempio gli Stati Uniti, ma le cose nel Belpaese si stanno muovendo abbastanza bene.

Una trasformazione necessaria per concorrere con i competitor internazionali.

La società cambia, nuovi modelli di produzione vengono sviluppati, il settore digitale entra sempre di più a far parte della vita di tutti i giorni, non solo per le aziende ma anche per quel che riguarda la comunicazione degli utenti comuni. Una tendenza porta il panorama tricolore verso una nuova era storica, uno sviluppo trainato soprattutto dalla crescita dell’eCommerce.

Anche il Meridione in grande crescita

 

Da che mondo è mondo, siamo abituati a pensare alle regioni del Sud Italia come arretrate, stagnanti nella miseria e indietro con qualsiasi cosa che riguardi l’evoluzione di alcuni settori.

Ebbene, stavolta le cose sono ben diverse. Anche il Meridione, infatti, si sta facendo valere moltissimo nel campo della digitalizzazione del lavoro, mettendo in atto una trasformazione in grado di fare da motore all’intera penisola.

Il Mezzogiorno dimostra, grazie al sapiente lavoro delle piccole e medie imprese, di essere in grado di restare al passo coi tempi e di poter eccellere. Uno sviluppo che cresce più del 20% ogni anno e che viene caratterizzato da un numero sempre maggiore di aziende che decidono di digitalizzare la propria attività. Nella maggior parte dei casi si tratta di imprese che si occupano di eCommerce o della fornitura di servizi hosting.

Il Sud motore dell’Italia intera? Forse sembra una frase un po’ azzardata, ma la progressione di crescita del Meridione (che si attesta intorno al 22%) è superiore a quella media del resto d’Italia.

Una nazione comunque unita in un processo di trasformazione delle strutture portanti dell’economia.

Vincenzo Abate

Una Galleria fotografica molto simpatica ed originale si può ottenere con la funzione “Accordion Slider”, ovvero Slider a Fisarmonica.

Con WordPress si possono realizzare delle ottime Gallerie Fotografiche, in questo primo articolo prenderemo in esame la tipologia “Galleria Masonry”.

Caro Cliente,
siamo il team di Pariweb.it .
In attesa di avere il piacere di conoscerti personalmente, vorremmo approfittare di questo articolo per raccontarti senza troppi formalismi tecnici in cosa consiste e soprattutto cosa c’è dietro al nostro lavoro, allo scopo di far crescere la tua attività approfittando del mezzo web.
Già partendo dal sito web , dalla base, si può iniziare a comprendere la complessità. Continua a leggere

Si, abbiamo scelto l’immagine di un salvagente per parlare in maniera informale di un discorso che ci sta particolarmente a cuore, l’assistenza.

Quando parliamo di assistenza noi di Pariweb.it tendiamo a proporre ai nostri clienti servizi su base mensile, trimestrale o semestrale, servizi che sicuramente hanno un costo ma che danno al contraente la certezza di avere tecnici a disposizione in tempi ragionevoli per risolvere eventuali problematiche legate al proprio sito web, vetrina che nel 2017 dovrebbe ormai essere considerata come un biglietto di visita, anzi molto di più, dato che si tratta del presentare la propria immagine in maniera molto più approfondita rispetto al passato.

Continua a leggere

Piano piano, a forza di sprecare, rullini e stampe qualcosina cominciò a venir fuori e fu grande la gioia quando mio padre non disse più “poveri soldi nostri” in riferimento alle brutte foto (mosse, sfocate e sovrapposte) che “producevo” con la Comet II.

Mountain View

Gioia ancor più grande ci fu quando potetti mettere finalmente le mani prima sulla Ferrania “Elioflex2” di mio padre e poi sulla Kodak “Compur-Rapid” di mio zio.

Naturalmente prima del “primo click” dovetti sorbirmi interminabili ed allora incomprensibili lezioni su “profondità di campo”, “tempi di scatto”, “aperture di diaframma” ecc. ecc.

Facendo un bel salto temporale arriviamo alla mia prima Reflex, una PENTAX-MX corredata da un obiettivo da 50 mm. f/1.7 . A quel punto non potetti più fare a meno di riprendere in mano i vecchi libri di fotografia che parlavano di quegli argomenti che da ragazzino tanto mi annoiavano. Da quel momento non ho mai cambiato Marca di fotocamera. Continua a leggere

Il copywriter non è un inventore di filastrocche, ma è una figura che possiede una ottima padronanza lessicale, che utilizza un linguaggio chiaro, semplice, creativo e mirato ad attirare il lettore. Studia tutto nei minimi dettagli, è attento ad ogni singola parola senza lasciare nulla al caso. Tutto ruota attorno alle parole. Calamaio, block notes, […]